lunedì 21 novembre 2016

CHUPACABRAS!


E' in edicola in questi giorni il Color Tex n° 10, intitolato "Il mescalero senza volto e altre storie". L'albo contiene cinque storie brevi e a colori, scritte da Barbieri, Boselli, Burattini, Rauch e Testi  e disegnate da Bocci, Dotti, Laurenti, Rubini, Venturi (in ordine alfabetico). Per una inquadratura generale della pubblicazione può essere utile leggere la recensione di BadComics, cliccando qua. Se permettete, io mi limiterò a dire qualcosa sull'episodio a mia firma, intitolato "Chupacabras!", splendidamente illustrato da Michele Rubini (con il quale avevo già lavorato su Zagor, con la storia "La morte sospesa", in quattro albi). 

Innanzitutto, si tratta della mia seconda prova su Tex, dopo "Incontro a Tularosa" (disegni di Giuseppe Camuncoli), pubblicato su un Color di un paio di anni fa. Poiché non c'è due senza tre, ho già consegnato, nel frattempo, una terza sceneggiatura texiana che è stata affidata a Raffaele Della Monica (un altri che di solito lavora con me sulle tavole dello Spirito con la Scure, ma che ha un passato di autore anche di Aquila della Notte). E' probabile (e io ci spero) che Mauro Boselli mi chieda di lavorare su un quarto e forse un quinto episodio, ma ne parleremo a tempo opportuno. Scrivere per Tex è impegnativo e faticoso: sento la responsabilità di dovermi presentare con tutti i documenti in regola di fronte a un pubblico attento e numerassimo ed è come giocare in Nazionale venendo dalla Fiorentina. In più, scrivere un Tex interessante  potendo avere solo trentadue tavole a disposizione è impresa improba. Non pretendo di fare gol, ma spero di contribuire al risultato. Il Color Tex esce poi nello stesso momento dello Speciale Dampyr a mia firma, "La porta dell'inferno", accolto con molto favore dal pubblico, e dunque serve a dimostrare che sono in grado di cavarmela anche con altri personaggi oltre a Zagor (il mio eroe del cuore che, finché dipenderà da me, comunque mai abbandonerò). "

"Il mescalero senza volto e altre storie" presenta racconti western intrigarti ma di stampo tutto sommato tradizionale, "Chupacabras!" è l'unico dell'albo a uscire dai canoni per proporre una contaminazione horror. Contaminazione, tuttavia, che si basa su una creatura,  un folcloristico succhiatore di sangue del Sud Ovest, legata alle leggende messicane di cui ancora oggi si parla nei programmi di Giacobbo e là dove si affrontano temi legati alla criptozoologia. Una disciplina, questa, considerata pseudoscientifica, ma non per questo priva di interesse: gli studiosi che se ne occupano cercano di verificare l’attendibilità delle segnalazioni di specie animali su cui si hanno solo segnalazioni e prove indirette (testimonianze, impronte, foto dubbie e via dicendo) ma non l’evidenza di un esemplare catturato vivo, o dei suoi resti da esaminare. A fondare e teorizzare questo tipo di indagine fu lo zoologo belga Bernard Heuvelmans che, nel 1955, scrisse un saggio intitolato “Sulle tracce delle creature ignote”. Secondo lui, la materia avrebbe dovuto essere una branca della zoologia tradizionale ma la comunità scientifica non l’ha mai riconosciuta come tale, ritenendola più affine allo studio delle leggende e lontana dalle metodologie scientifiche. Tra le specie animali di cui non è mai stata provata l’esistenza, nonostante ci sia chi racconta di averli visti, oltre allo Yeti e al Sasquatch ci sono, solo per fare degli esempi, il Mostro di Loch Ness, la Bestia dello Géveudan e il Chupacabras (quest’ultimo, una sorta di grosso cane, o piccolo orso, munito di aculei dalla testa alla coda, che vivrebbe nelle zone desertiche del Centro America). Va detto che almeno uno degli animali considerati fantastici di cui si è occupata la criptozoologia si è poi scoperto essere realmente esistente: si tratta del calamaro gigante, di cui sono stati catturati anche alcuni esemplari. Molti delle creature che hanno attirato l’attenzione di Heuelmand hanno anche offerto spunti a non finire per romanzi, film e fumetti. 






3 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Ne parlavo proprio l'altra sera con il mio amico ed ex allievo Sandro Giacobbo - singer estivo, oggi semidimenticato o confuso con un quasi omonimo, e "papà " dei vari Alvaro Soler e Rovazzi vari - che ha un passato di criptozoologo. Sandro ha una teoria che regalo volentieri a Morbur nella speranza che in SBE , ora che ha rotto il ghiaccio, lo facciano giocare anche con il Detective dell'Impossibile o l'Indagatore dell'Incubo: Bigfoot, Nessie ed il Chupacabras sono la stessa bestiola ovvero un alieno longevo e mutaforma con una missione non tanto di incursore quanto di studioso del genere umano. In un racconto, Isaac Asimov ipotizzava che le barzellette fossero un catalizzatore di reazioni che gli extraterrestri seminavano tra le genti x analizzarne i comportamenti. Big Nessie ora è anfibio ed ora abita le foreste del nord per vedere l'effetto che fa, come direbbe Jannacci. Penso che se potrebbe cavare un BZVM per le matite degli Espo Bros o un Dyd oldboy x quelle di Piccatto Studios.
Consiglio a todos la lettura dello special di X-Files della Magic Press di qualche annetto fa che raccoglie tre storie con il succhiacapre per le magiche matite di Charlie -Thewalkingdead - Adlard. See ya in the comics.

Enzo 0 ha detto...

A quando un zagor magazine?

DevilMax ha detto...

Aggiunta la voce CHUPACABRAS alla lettera C di The Dark Side of Tex:
https://dimeweb.blogspot.it/2014/08/the-dark-side-of-tex-c-cavaliere-senza.html