giovedì 27 novembre 2014

NELLO STUDIO DI FERRI



Si è svolta a Santa Margherita Ligure (Genova), tra il 22 e il 29 novembre 2014, una mostra dedicata a Gallieno Ferri in cui sono state esposte oltre quaranta tavole originali del maestro. Nei giorni di sabato 22 e domenica 24 io e lui siamo stati invitati dall'amministrazione comunale a partecipare a un incontro con il pubblico nel Castello della cittadina ligure, e a presenziare alla distribuzione delle cartoline con uno speciale annullo filatelico.

La cartolina con l'annullo filatelico zagoriano



Per l'occasione ho curato, con Ruzica Babic, titolare della locale Galleria Libreria dell'Arco e organizzatrice dell'evento, un albetto speciale di trentadue pagine brossurate contenente un mio racconto in prosa con Zagor protagonista, intitolato “La capanna nella palude” e corredato da decine di illustrazioni rare o poco viste di Ferri (dietro una copertina inedita). Per riuscire a impossessarsi di una delle ultime copie (dato che la tiratura è stata limitata), basta telefonare al numero 0185 285276. Si tratta della seconda avventura "scritta" dello Spirito con la Scure, dopo "Le mura di Jericho", il romanzo zagoriano pubblicato nel 2011 da Cartoon Club (e tutte e due portano la mia firma). Altri gadget sono stati un poster e una stampa numerata e firmata da Gallieno.

Il grande poster realizzato da Ferri per la mostra


All'inaugurazione della mostra erano presenti anche alcuni autori (Marcello Mangiantini, Mirko Perniola e Jacopo Rauch) ma soprattutto numerosi frequentatori del forum SCLS che hanno tenuto proprio a Santa Margherita il loro raduno, giungendo da tutta Italia. Il sindaco di Santa Margherita Paolo Donadoni, giovane e, cosa che non guasta, appassionato di fumetti, si è dichiarato interessato a proseguire l'organizzazione di eventi fumettistici anche in futuro. I forumisti hanno promosso tra di loro (e tra gli autori presenti) una raccolta fondi in aiuto agli alluvionati liguri e sono stati messi insieme quasi cinquecento euro. Complimenti agli zagoriani!

Jacopo Rauch e Mirko Perniola con le dolci metà

La manifestazione è stata un successo, a dimostrazione dell'entusiasmo che Zagor riesce ancora a suscitare. Gallieno Ferri si è seduto a cena con i lettori la sera del 22 ma, soprattutto, ha proposto di organizzare una tavolata a Recco (là dove vive) per il pranzo del giorno successivo, ed è attorno a lui che un nutrito gruppo di appassionati si è radunato per gustare la famosa focaccia con il formaggio. Di tutto questo fanno la cronaca, più delle parole, le foto che seguono. Ma, soprattutto, ho potuto realizzare qualche scatto anche nello studio di Gallieno Ferri: li trovate in fondo alla carrellata.

Gallieno Ferri nella Galleria Libreria dell'Arco a Santa Margherita Ligure


Il castello sede della mostra

Il mare di Santa Margherita Ligure da una finestra del castello

Mostra al castello

Gallieno Ferri accanto a una delle tavole in mostra

Un vero appassionato con la cover zagoriana del telefonino

Il tavolo della presentazione. Ferri è tra Ruzica Babuc e il sindaco Paolo Donadoni


Marcello Mangiantini, Gallieno Ferri e Moreno Burattini

Tavole in mostra

Autografi sull'albetto



Ruzica Babic della Galleria Libreria dell'Arco e la forumista Tesla

La focaccia col formaggio 

Esperienza mistica a Recco

Tavolata di autori e lettori a Recco

A tavola a Recco con Ferri e i lettori di Zagor

Un disegno spiritoso di Ferri con testi miei: Zagor colpisce un minaccioso polpo pronto per la padella

Una libreria in casa Ferri


Il tavolo da lavoro di Ferri

Una tavola in lavorazione

Gli attrezzi da disegno di Gallieno Ferri

Gallieno Ferri davanti al suo tavolo da lavoro

Due strisce di una storia in lavorazione

Io con Gallieno nel suo studio

Il modellino di un gozzo ligure con la sagoma di Zagor a bordo

Le mani del Maestro



3 commenti:

Stefano Bidetti ha detto...

Sintetico ma molto efficace il tuo resoconto, Moreno, come sempre.
Voglio aggiungere, in quanto promotore della raccolta fondi durante la serata, che verrà effettuata una donaziopne a nome del forum a una piccola comunità del comune di Prà che è stata pesantemente danneggiata dalle recenti alluvioni.
Mi permetto di enfatizzare il fatto che, nel corso della raccolta, anche gli autori presenti hanno generosamente partecipato, dimostrando per l'ennesima volta che lo spirito zagoriano non si muove a caso e, soprattutto, che possiamo sempre contare, da questo punto di vista, su degli splendidi maestri!!!
Stefano

Anonimo ha detto...

Gallieno Ferri un grande, è stata un emozione vedere anche per poche foto il suo studio. Per me ancora il migliore....

(Roberto Meneghello. Nogara .VR.)

MarioCX ha detto...

Ciao Moreno, sono Mario di Savona "MarioCX", ho letto la tua ultima storia zagoriana e volevi farti i complimenti.
Il finale è geniale.
Marco mi ha avvertito del meeting a Santa Margherita, ma purtroppo quel giorno lì ero in Brianza...proprio dalle parti di Marco!

Buon 2015!