giovedì 7 luglio 2011

NEVE PERMETTENDO

L'ultima volta che ho cercato di raggiungere l'Abruzzo dalla Toscana, nello scorso dicembre, è stata un'odissea. Sono partito dalla Versilia alle 10 di mattina, e la sera alle 20 ero ancora a Firenze. Al che mi sono convinto a tornare indietro (impresa non facile neppure quella). Il problema è stata la neve.
E pensare che a Scanno, il paese nel parco naturale del Gran Sasso dove mi aspettavano, località solitamente sepolta dalle valanghe durante l'inverno, non ce n'era neppure un fiocco. In riva all'Arno, invece, sembrava di essere in Siberia.

Così, non ho potuto raggiungere Mauro Laurenti e i fratelli Di Vitto con cui dovevamo dare il via ai festeggiamenti del cinquanta anni di Zagor. L'hanno fatto da soli, e io ho potuto soltanto collegarmi telefonicamente con il Palazzetto dello Sport in cui si tenevano le celebrazioni, promettendo che prima o poi, neve permettendo, sarei andato a visitare quella località, di cui tutti mi hanno sempre detto meraviglie. Finalmente adesso, in piena estate, con il rischio di precipitazioni nevose ridotto al minimo (ma mai dire mai), tento di nuovo l'avventura. Domani sera, salvo slavine, sarò a cena con Domenico e Stefano Di Vitto, miei partner nell'avventura contro "La banda aerea", in quel di Scanno. Ogni promessa è debito.


Il giorno dopo, però, sabato 9 luglio, raggiungerò Raiano, sempre in provincia dell'Aquila, dove è in programma la terza edizione dei Comic Days, insieme ai soliti Laurenti e Di Vitto ma anche con SandroChiarolla e Nando Esposito. Oltre, naturalmente, a Graziano Romani pronto a esibirsi con una band locale la sera dopo cena in un concerto in notturna del tour "Darkwood to Dreamland", che gli intervenuti potranno godersi al fresco delle notti abruzzesi. A Raiano sono già stato una volta, un paio di anni fa per un incontro con delle scolaresche locali che riuscì benissimo: sia io che gli studenti ci siamo divertiti moltissimo guardando un sacco di diapositive e inventando persino una storia di una sola tavola, perfettamente autoconclusiva, insieme. In genere i miei incontri nelle scuole hanno sempre un certo successo: probabilmente sono un professore mancato. Le classiche braccia, le mie, rubate all'insegnamento.


Ma, venendo ai Comics Day abruzzesi, cco il programma così com'era descritto dal comunicato degli organizzatori, capeggiati da Francesco Pasquali.

L'intero appuntamento sarà dedicato ai festeggiamenti per il cinquantennale di Zagor. La gran parte degli eventi si svolgeranno sabato 9 luglio, per cominciare si assegnerà il secondo "Premio Eugenio Benni". Il Concorso sarà basato sulla composizione estemporanea di una o più tavole a fumetti su un argomento assegnato. Quest'anno il tema sarà: "ACQUARIA: contatti naturali". Il vincitore conquisterà un premio in denaro di 500 euro e un'opera in pietra dello scultore Diego Sandro Mostacci. Il programma prevede due mostre espositive: la prima dedicata ai lavori che gli ESPOSITO BROS hanno prodotto nella loro intensa carriera con alcune succose anteprime; la seconda, "Patrick Wilding: la storia dell'uomo, la nascita del mito", più espressamente rivolta allo Spirito con la Scure e alla sua crescita personale.


L'incontro con gli autori, per conoscere tutte le numerosissime novità di questo e dei prossimi anni sullo Spirito con la Scure, avverrà anch'esso il 9 luglio, appena prima della premiazione del concorso. La serata vedrà la partecipazione del Maestro Pasticciere Angelo Di Masso con una sua preparazione dedicata a Zagor. Il taglio della torta precederà il concerto di Graziano Romani che chiuderà il programma della giornata. Per conoscere tutti gli appuntamenti e le iniziative della manifestazione, cliccate qui.

Oltre agli incontri con gli autori, sarà possibile ottenere cartoline in omaggio (con il disegno inedito di Nando Esposito che vedete poco sopora), acquistare un po' tutte le pubblicazioni legate al cinquantennale: il mio romanzo di Zagor "Le mura di Jericho", il saggio su Nolitta che ho scritto con Graziano Romani ma anche quelli su Ferri e su Ticci, e tutta una serie di altre sfiziosità come l'autobiografia di Tex Willer opera di Mauro Boselli e Fabio Civitelli, autografata dagli autori. Ma essendo Francesco Pasquali anche il neo-direttore della rivista ufficiale del forum SCLS, saranno disponibili pile e pile del settimo numero di SCLS Magazine, la rivista dedicata allo Spirito Con La Scure, che per l'occasione si è rinnovata e, per sottolineare la nuova veste grafica e contenutistica, ha aggiunto al suo titolo la parola "Gold". Non mancheranno anche copie del volume di 40 pagine a colori, di grande formato, intitolato "Borrello Comics 2010" di cui vi ho già parlato. Insomma, l'appuntamento è in Abruzzo sabato e domenica. Neve permettendo.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Moreno (sono Nazzareno di Macerata), molto bello è stato leggere il saggio su Ticci, scritto da te e Graziano Romani, ripercorrendo tutta la carriera di un disegnatore fondamentale della saga di Tex. I miei complimenti vanno anche a Mauro Boselli per l'autobiografia di Tex ("Il romanzo della mia vita"), che mi ha pure commosso nella parte finale ( quando l'eroe saluta in lontananza noi lettori). Vorrei però farti notare un'imprecisione che accomuna le due opere, e cioè la data di pubblicazione del romanzo di G.L. Bonelli, "Il massacro di Goldena", che non è uscito nel 1956 (come da te affermato a pag.41 del tuo saggio su Ticci) e neppure nel 1953 (come ho letto nell'introduzione al romanzo di Boselli a pag.12). La vera data di pubblicazione è stato l'anno 1951, come provato in un mio articolo su DIME PRESS n.8 del marzo 2004. La stessa SBE ha confermato questa data nella ristampa del romanzo allegata al Tex 575 del settembre 2008. Un'imprecisione questa che ovviamente non toglie nulla al valore del saggio su Ticci e dell'autobiografia di Tex, però sarebbe meglio non confondere noi lettori con un "dubbio" che speravo con quel mio articolo di aver dissipato una volta per tutte.
Molto ben riuscito mi sembra l'incontro di Reiano a cui ho partecipato e che rimarrà nella mia memoria...Bello anche questo tuo blog che leggo sempre volentieri...Complimenti per il grande lavoro che stai facendo con Zagor...
Ciao da Nazzareno Giorgini

Moreno Burattini ha detto...

Caro Nazzareno,
grazie per la precisazione, mi consola il fatto che l'imprecisione sia condivisa anche nell'introduzione del romanzo di Tex, a riprova di come, per quanti sforzi si facciano, un refuso o un errore ci scappino sempre. Noi avevamo fatto leggere la cronologia anche sia allo stesso Ticci che a Sergio Bonelli, ma lo scrupolo non è stato sufficiente (dovevamo farla leggere anche a te! ^____^).