lunedì 9 maggio 2011

DAVVERO A VERONA

Sarà un caso, ma proprio nei giorni in cui sto leggendo "Disegnare il vento", un romanzo (molto bello) di Ernesto Ferrero sugli ultimi giorni di Emilio Salgari, mi è capitato prima di andare a Torino (la città dove il "capitano" è morto suicida, esattamente cento anni fa) e adesso a Verona (la città dove è nato).

Ovviamente, a Verona sono già stato molte altre volte, ma sempre in gita di piacere. Questa volta, ci torno come "ospite d'onore" di una serata horror-noir-misteriosa del ciclo "Indagini del Mistero", una serie di incontri condotti da Nicola Ruffo. Al centro della conferenza ci saranno i Misteri di Alleghe, un caso reale di cronaca nera tra i più misteriosi e inquietanti nella storia dell'Italia del Novecento. L'appuntamento è per martedì 10 maggio alle 20.30 nel forte di Rivoli Veronese, a poca distanza dal capoluogo, presso il centro micologico, in un suggestivo laboratorio alla Frankenstein.

Nicola Ruffo, il detective del mistero (una sorta di Martin Mystére all'italiana che ho avuto il piacere di conoscere in diverse occasioni e che è un vero appassionato dello Spirito con la Scure), è un pedagogista socio del CICAP, il Comitato Italiano per il Controllo sulle Affermazioni sul Paranormale, di cui spesso visito il sito e dei cui membri leggo volentieri gli interventi o seguo le apparizioni televisive, dato che i temi mysteriosi mi interessano ma, prima di reputare vera una qualunque notizia, vorrei sempre essere convinto con argomenti degni di questo nome. So che i cultori del paranormale vedono come il fumo negli occhi gli esperti del CICAP ma, sinceramente, non capisco perché: il nome del comitato spiega chiaramente che si tratta di "controllare" le affermazioni altrui, non necessariamente di sbugiardarle.

Non so a quali risultati abbiano portato le investigazioni di Ruffo sul caso dei delitti di Alleghe, lo scoprirò la sera della conferenza. Che cosa c'entro io? Nulla. In effetti, il motivo del mio invito potrebbe essere oggetto di studio da parte di Piero Angela o Massimo Polidoro. Scherzi a parte, dato che gli incontri delle "Indagini sul Mistero" riguardano temi noir, del brivido o del paranormale, parlerò (occupando parte dello spazio della serata e servendomi di immagini proiettate su uno schermo) di come ingredienti narrativi di questo tipo siano stati sfruttati nelle storie di Zagor, personaggio particolarmente al centro dell'attenzione in occasione del suo cinquantennale. Dunque, appuntamento a Verona! L'entrata è libera e poi, per chi vuole, si va tutti a cena in pizzeria.

Nessun commento: