martedì 27 dicembre 2011

LA BIBLIOTECA DI BABELE

Nihil credendum nisi prius intellectum”, dice il teologo Pietro Abelardo: “Non si deve credere in nulla se prima non lo si è capito”. Non c’è da meravigliarsi se a lungo le sue acute analisi della Bibbia e dei testi dei Padri della Chiesa gli abbiano causato persecuzioni e accuse di eresia, soprattutto dal suo più aspro avversario, Bernardo da Chiaravalle. Eppure, Abelardo non era certo uno che non credeva in Dio o che predicava la dissolutezza. Tuttavia, si poneva delle domande e invitava tutti a cercare delle risposte. Senza voler paragonarmi minimamente a lui, mi ritrovo in questo atteggiamento: non credo a nulla se prima non mi sono almeno illuso di averlo in po’ capito. Quando ho scritto qualcosa a proposito della Sindone, dei cerchi nel grano, degli oroscopi o degli alieni, è questo il punto di vista da cui sono partito.

Perché vi sto parlando di Abelardo? Per due motivi. Il primo è che l’ho citato fin dal titolo nell’articolo precedente. Il secondo è che da tempo sto pensando di utilizzare “Freddo cane in questa palude” anche per pubblicare le mie schede bibliografiche che da trent’anni sto accumulando per esclusivo uso personale. Mi spiego meglio. Fin dai tempi del liceo, ogni volta che ho letto un libro mi sono appuntato le mie impressioni a caldo scrivendo una piccola recensione che servisse a ricordarmi meglio il contenuto del volume. Con il tempo ho ricopiato sul computer i fogli scritti a mano, e ho cercato di coltivare questa abitudine. Per un paio di anni ho provato a fare lo stesso anche per i fumetti, ma alla fine aggiornare i registri delle letture mi portava via troppo tempo e dunque mi sono limitato ai libri (anche se, ultimamente, confesso di essere rimasto un po’ indietro). In ogni caso, ho messo insieme centinaia e centinaia di mini-recensioni, alcune troppo brevi e frettolose per essere pubblicate, altre invece decisamente più elaborate. Mettendole a disposizioni di tutti qui sul blog, potrei suggerire a qualcuno il recupero di qualche libro del passato, dato che non si tratta di segnalazioni legate all’attualità ma a emozioni e riflessioni su letture del passato. Ho deciso di intitolare la rubrica “La biblioteca di Babele” (il motivo è così palese che non vale la pena di spiegarlo). Dovendo cominciare con qualcosa, ho pensato di prendere la palla al balzo e, dato che ho citato Abelardo, parlare proprio di lui. Fatemi sapere se l’iniziativa è o non è interessante.


Abelardo
STORIA DELLE MIE DISGRAZIE
E LE LETTERE D'AMORE DI ELOISA
autobiografia - Newton & Compton
Tascabili Economici Newton
Collana 100 Pagine 1000 lire
Prima edizione - 1994
brossurato - lire 1.000

"Historia calamitatum" è una breve autobiografia di Abelardo scritta come lettera a un amico perchè costui, sentendo narrate le disgrazie occorse al filosofo, si consolasse delle proprie. La scrittura di Abelardo è intrigante e avvincente, e nonostante i secoli di distanza il lettore moderno si sente partecipe della vicende romanzesche della sua vita, non certo limitate alla sua famosa storia d'amore con Eloisa. Meraviglia appunto la capacità di Abelardo di descrivere gli accadimenti senza eccessiva enfasi retorica, con precisione ed efficacia, senza ridondanza. Anche la Parigi dell'undicesimo secolo appare viva, credibile e reale; e soprattutto è coinvolgente la storia di passione con la giovanissima Eloisa, che costò ad Abelardo l'evirazione per vendetta da parte dello zio di lei, tale Fulberto.

L'ottima introduzione di Gabriella D'Anna mette in evidenza come Eloisa si sia donata ad Abelardo con tutto il suo essere, anima e corpo, per tutta la vita: addirittura, la sua consacrazione a Dio (successiva all'evirazione del compagno) fu fatta non già per vocazione ma per adesione convinta alla richiesta dell'amato. Abelardo invece visse la sua storia con la ragazza con passione e trasporto finchè durò, dopo l'evirazione si convinse che Dio lo chiamava (proprio con quell'atto di violenza che aveva dovuto subire) ad elevarsi verso la trascendenza, e dunque il suo amore per Eloisa si stemperò in un ricordo meno passionale, in una visione filosofica della vicenda. Quando lei cominciò a scriverle lettere molto calde nella reminescenza dei loro trascorsi, Abelardo la invitò a non insistere su quel versante ma a seguirlo su piani più alti dell'esistenza. E lei, aderendo come sempre alle richieste dell'unico suo amore, non toccherà più certi tasti (due lettere d'amore di Eloisa sono contenute in appendice al volume). Molto interessante è anche seguire Abelardo nelle sue continue dispute filosofiche, il suo sapere catturare l'interesse degli uditori, il suo avere continuamente al seguito schiere di appassionati entusiasti della sua arte retorica; e come al solito, i geni scomodi suscitano risentimenti e invidie, e nei tribunali i mediocri hanno sempre ragione delle menti superiori perchè i giudici sono ottusi e miopi, legati alla lettera dei regolamenti, alla più grigia interpretazione delle scartoffie, incapaci di seguire l'intelligenza che si libra più alta dei loro assurdi codici. Infatti, Abelardo fu perseguitato e condannato proprio per l'esercizio del suo pensiero libero e superiore.

6 commenti:

illustrAutori ha detto...

è quello che avrei voluto fare da una vita, da anni ho anche aperto un (altro) blog apposta ma non c'ho ancora messo un post... perché la giornata ha solo 24 ore? anzi, perché l'uomo ha bisogno di dormire? Mah! Ovviamente io apprezzo e t'incito a continuare (magari con meno righe e più libri). Una domanda: chi è Andrea nella foto di apertura? e dov'è stata scattata? e qunado? perché? percome?

Moreno Burattini ha detto...

La foto l'ho rubata da Google Immagini, digitando come chiave di ricerca "Biblioteca di Babele". Prova a farlo anche tu e verrà fuori il sito da cui è tratta.
Grazie degli incoraggiamenti, ma chiedere a un grafomane come me di scrivere meno righi è come chiedere a un tabagista di fumare di meno. :-) Devo dire che però sul "coso" su Facebook mi riesce di essere sintetico. Peccato che scriva post stringati, ma esagerando sul numero.

Ramath ha detto...

La tua proposta di voler mettere sul blog,le tue antiche recensioni librarie,sarebbe graditissima a coloro che,come me,hanno la fortuna e la voglia di voler attingere a piene mani,nell'ottimo calderone culturale che ci proponi ( o ci propini???mah!!).
Temo,ahimè,che tanti siano invece interessatissimi alle "cose" zagoriane che racconti ed indi disertino i post piu' "personalmoreniani".
Il mio interesse è scontato,vediamo se si riesce a convertire qualche altro adepto...!

Moreno Burattini ha detto...

Per Ramath: invece a volte temo che insistere soltanto su Zagor possa allontanare chi Zagor non lo legge. Comunque sia, dato che il mio scopo non è l'audience (che comunque resta in salita) ma il "lasciare un segno" o comunque esprimere qualcosa che mi preme dentro, la cosa migliore è assecondare l'istinto. E variare il menu.

Roberto ha detto...

Ottima idea, quella delle minirecensioni dei libri! :)

Da appassionato di gialli, mi piacerebbe che parlassi di questo genere letterario: ad esempio dei romanzi di McBain, o dei mistery all'inglese di cui sei un grande estimatore... O ancora del recentissimo "Tu sei il male" (se non l'hai letto te lo consiglio).;)

A proposito, ho finito 22/11/63, l'ultimo romanzo di King. E' splendido, ti sembra davvero di essere immerso anche tu nei primi anni '60 del secolo scorso.
Se non siamo ai livelli di It, Stagioni diverse o Il miglio verde, poco ci manca... :)

erus1988 ha detto...

Caro Moreno, iniziativa stupenda! Grazie e buone feste!
Pierangelo