martedì 5 febbraio 2013

SI E' SMARRITO UN BAMBINO DI NOME MORENO




Quella che segue è una scelta dei migliori "tweet" pubblicati a mia firma su Twitter durante il mese di gennaio 2013. Li ho divisi per argomenti in modo da rendere più agevole la lettura, e ho disposto le categorie in ordine alfabetico. Il numerino che precede ogni "tweet" fa riferimento al giorno del mese in cui è apparso. Per leggere una selezione di ciò che ho scritto durante il mese di di novembre, potete cliccare qui. Per lo scorso dicembre, invece, cliccate qui. Sono quasi sicuro che, se lo fate, vi divertirete. Nel momento in cui scrivo, i mie followers sono 785. Il contatto è @morenozagor. 



AFORISMI

11. Dicendo che una cosa è un nonsense, le diamo un senso.

13. Non importa ciò che dici, ma quel che capiscono gli altri.

14. Le uniche cose perfette sembrano essere le tempeste.

15. Non è detto che un senso di colpa abbia un senso.

15. Si dà sempre noia a qualcuno.

16. Ci sono sbagli giusti.

18. Anche un pagliaccio pretende rispetto per la sua parte in commedia.

21. Le idee non sono pietre, ma farfalle.

22. Scelgo di stare dalla parte di chi non sceglie.

22. Viva quel che ha un suo perché.




AMORE

7. Si dà troppa importanza al "tradimento" e poca a ciò che l'ha provocato, dimenticando che siamo tutti vittime e carnefici a turno.

12. In amore, l'unica cosa imperdonabile è non saper perdonare.

13. Prima di risolvere il sacrosanto problema delle adozioni alle coppie gay, bisognerebbe risolvere il problema delle adozioni, tout court.

16. L'amore è ossigeno, il sesso idrogeno.

18. Il matrimonio andrebbe vietato per legge.

18. In amore bisogna avere lo stesso odore.

19. Annusarsi le anime prima di scegliersi. Ma anche i corpi. La chimica conta.

21. Se le storie d'amore sono per sempre, lo si stabilisce alla fine.

28. Quelli che si sposano giurandosi eterna fedeltà, forse non hanno ben chiaro il concetto. Di fedeltà, di eternità o di giuramento.

29. E pensare che vogliono sposarsi persino i gay, che hanno la fortuna di non doverlo fare.

29.  L'amore non ha bisogno di carte bollate e di giuramenti.




ANIMALI

12. Dormo con una donna e tre gatti nel letto. E infatti non dormo.

21. Sterilizzata la gattina di casa. Non andrà più in calore. E pensare che si chiama Anastasia per le sue cinquanta sfumature di grigio.

21. Non capirò mai il divertimento di chi va a caccia.

28. I miei gatti mi parlano come se fossi un gatto anch'io.



ARTE

3. Visito (di nuovo) il Louvre, e penso a tutti i quadri appesi nella sala della Gioconda che non li guarda nessuno.

5. Al museo d’ Orsay mi sono perso "L'origine del mondo", ma diciamo che il soggetto mi è familiare.

9. Due cose colpiscono al Louvre: che per metà è roba nostra, e che noia però i santi e le Madonne. Ma qualche soggetto meno ripetitivo?




CIBO

6. Sono tornato a casa dopo una settimana a Parigi, e stasera mangio spaghetti aglio olio e peperoncino.

7. E adesso dovrete mangiarvi per un mese i panettoni che avete comprato a prezzo pieno, che vi sono avanzati e che da oggi vendono in offerta.

21. Le diete, come gli esami, non finiscono mai.

29. Per mettersi a dieta bisogna saper cucinare.




CINEMA E TEATRO

1.Ho visto al cinema a Parigi, poco fa, certi trailers di film francesi che noi, purtroppo, non vedremo mai in Italia. Ma perché?

11. Ne "La carica dei 101" c'è una divertente scena all'inizio in cui si vede come cani e padroni si somiglino sempre.

11. Per me, "Gli Aristogatti" è un capolavoro e "Red e Toby" lo si deve rivalutare.

17. I biglietti del cinema dovrebbero costare 5 euro.

18. Dopo che Spielberg ha fatto un film su Lincoln ora i Vanzina ne devono fare uno su Saragat.

19. Sono stato a pranzo con gente di teatro, confermando la mia opinione sulla grandezza degli spettacoli live, senza rete, su un palcoscenico.



DENARO

7. Il fatto che qualcosa sia gratis non giustifica che sia brutto e insulso.

15. Per strada, uno si informa, in inglese, se io parli quella lingua. "Just a little", dico. Al che, sempre in inglese, mi chiede l'elemosina.

15. Dare l'elemosina a un mendicante per strada fa sì che il giorno dopo ce ne siano due. Personalmente, preferisco aiutare le associazioni.

17. Lo Stato deve pagare i suoi debiti verso i privati. Senza se e senza ma.

24. La gestione del proprio denaro e del budget personale dovrebbe essere una materia scolastica insegnata fin dalle elementari.

24. Son tutti banchieri con i soldi degli altri.

31. Ho sentito al bar dire: "quella è gente che sta bene". Ecco cosa vorrei essere da grande: uno "che sta bene".



DIO

1.Già la parola "regno" è obsoleta, ma è proprio il concetto di "Regno dei Cieli" che mi sfugge.

5. Parlando con chi cerca di risolvere i miei dubbi sulla fede, c’è un problema di fondo: non riesco ad accontentarmi di risposte che rimandano a un versetto della Bibbia.

5. Passerò la vita a pormi domande perché la fede, purtroppo, è fatta di risposte che io, per come sono, non posso comprendere.

6. Se si valuta l'arbitrio con cui qualcuno viene guarito e milioni di altri no, i miracoli depongono a sfavore della tesi della bontà di Dio.

18. La Natura ha stabilito delle regole. Dio altre, contrapposte. Si tratta di decidere a quali obbedire.

18. Coloro che dicono di credere in Dio si dividono in due categorie: quelli che credono in Dio e quelli che credono di credere in Dio.

18. Non solo Dio distribuisce i premi e le penalità, ma ci obbliga a partecipare alla gara.

23. Come si concilia l'idea di un Dio buono con le gravi malattie dei bambini? 

23.  Il male nel mondo dimostra che Dio non è buono, o non c'è, o non è onnipotente, o non è l'unico, o ha una logica aliena.

23. Invidio chi crede convintamente, perché sta meglio di me con i miei dubbi.

29. Come si concilia il "grazie" della preghiera della sera, con il Salve Regina, che ci vuole "gementi e piangenti in questa valle di lacrime"?




DOLORE

5. Siamo fortunati ad essere nati dopo l'invenzione dell'anestesia.

6. L'unica cosa a cui può essere utile il dolore, è capire il dolore degli altri.




DOMANDE

1.Sto per prendere un aereo. Chi mi garantisce che il pilota sia sobrio dopo la notte di Capodanno?

8. Ma la Vezzali l'hanno candidata perché faccia i tagli?

11. Ma se io assisto allo scena di due che fanno l'amore, quella è procreazione assistita?

12. La prima delle domande senza risposta è perché ci siano così tante domande senza risposta.

12. Perché mi chiedo sempre il perché?

16. Ma "Cinquanta sfumature di grigio" parla di sesso con un alieno?

16. Ma gli alieni, se esistono, sono tutti maschi?

16. Ma le sedute spiritiche si possono fare in piedi?

17. Ma quelli che fumano le sigarette elettroniche, non farebbero prima a smettere?

17. Perché nessuno mi ha mai preso come campione per un sondaggio di opinione, su un argomento qualsiasi? Chiedono sempre agli stessi?

17. Ma se l’agopuntura e la medicina tradizionale orientale sono dei toccasana, perché i cinesi hanno dei nomi che sembrano starnuti?

19. Ma sul retro delle porte dei bagni femminili, nelle stazioni o negli autogrill, ci sono messaggi scritti a penna di donne che cercano donne?

21. Ma io che non gioco a Ruzzle è perché sono un asociale?

23. Ma inserendo nel traduttore di Google la frase di una donna, viene fuori quel che lei intendeva dire veramente?

28. Quanto durano i "momenti un po' così"?

28. Qual è, dato che è certa, la "certa età"?

28. Ma gli abitanti di Cogne si chiamano cognati?

28. Ma il timore che una banca non ci conceda un prestito, è ansia da prestazione?

29. Mai una persona a me cara, dopo morta, è tornata in sogno a dirmi alcunché. Da che dipende?

30. Ma i ladri di rame li condannano alla sedia elettrica?




DONNE

7. Ogni lasciata è presa. 

12. Il profumo di donna in realtà è un afrore.

12. "Cosa dite voi tra donne, veramente, di noi?", le chiedo. "Due palle!", mi risponde.

14. Sono d’accordo con Ornella Vanoni che in "Ricetta di donna" canta "seno quanto basta / a riempir la mano".

15. Devo ammettere che non riesco a vedere una donna con i capelli rossi senza chiedermi quella cosa lì che si chiedono tutti.

16. Una di quelle cose che, bisogna ammetterlo, a Dio è venuta bene, è il clitoride.

20. Le donne hanno le chiavi della felicità, sia che siano spettacoli da ammirare, amanti, compagne, madri o nonne. Devono solo volerle usare.

21. Una volta, una donna mi disse che se avesse voluto tradire il suo uomo, sarei stato il primo a cui avrebbe pensato. Complimento o disprezzo?

21. Non ho niente contro i seni rifatti, ma solo contro quelli che sono evidentemente rifatti, e dunque sono rifatti male.

23. Una donna è tanto più bella quanto meno somiglia a un uomo.

28. Il "sì" di una donna equivale a un "si, ma". Il il "forse" è un sì, il "quasi" è un no, un'ora vuol dire due ore. Più in là non ci arrivo.

29. L'eterna indagine maschile attorno alla donna ha qualcosa in comune con la teologia: almanacca su cose che si possono intuire ma non capire.

31. Il pigiama ha il suo perché. Sono le felpe, le tute da ginnastica e le vestaglie che ammosciano l’immagine femminile.



ELEZIONI

6. Fare le elezioni proprio durante il Carnevale è un invito a trasformare in coriandoli la scheda elettorale.

16. Forse Ingroia non lo sa che Dylan Dog esibisce una tessera da poliziotto scaduta fingendosi, illegalmente, ancora in servizio.

16. Monti vuol farsi pubblicità usando Mister No: anche lui ha amici tedeschi.

17. Slogan grigi di candidati grigi su manifesti grigi e in comizi grigi.

18. Per ripianare un po' dei nostri debiti basterebbe eliminare la partecipazione italiana alle elezioni europee. Tanto, per quel che servono.

30. Pare si debba votare per gli uni per impedire agli altri di andare al governo.




ENIGMISTICA

19. Fabrizio uccel di bosco. Uccello canoro, però, dato che "canoro" è appunto l'anagramma di Corona.

28. Capirò di essere diventato famoso quando troverò il mio nome fra le soluzioni delle parole crociate della "Settimana Enigmistica".




FELICITA’

18. Nessun fanatico sarà mai felice.

28. Quelli che dicono di essere felici, senza dubbio esagerano.

28. La felicità è una leggenda urbana.



FIGLI

27. Una volta bocciare a scuola era un disonore e i "ripetenti" erano la feccia della casse. Oggi ai ragazzi non gliene può fregar di meno.

29. Quando vedo i babbi portare i bambini al circo, mi sembrano loro gli animali ammaestrati.



FUMETTI

4. Un amico di ritorno dall’edicola mi dice: "ho preso il Diabolik". Buffo, è una vita che Ginko ci prova.

4. Tanti bellissimi volumi nelle fumetterie francesi. Come per i film, la maggior parte non usciranno in Italia. Non capirò mai davvero perché.

17. Con ogni mia storia devo dimostrare ogni volta che sono all'altezza, come se fosse la prima. Non valgono i precedenti. Nessuno fa sconti.

20. Ho appena scoperto che il nome di Rockerduck è John. Che delusione.

21. "Zagor! Lo leggevo da ragazzo! Ma esce ancora?". No, l'hanno tolto dalle edicole dopo aver saputo che avevi smesso di leggerlo tu.




GIUSTIZIA

7. Non si dovrebbe mai dire "voglio vederlo condannato", ma "spero si dimostri la sua innocenza". Perché se toccasse a me è questo che vorrei.

7. Sarà pure stato lui, ma le motivazioni della sentenza scritta dai giudici contro Parolisi, per come ci vengono raccontate, sono grottesche.

11. Se "testa di cazzo" sia più offensivo di "stronzo” è un argomento che sarà stato di certo discusso da qualche tribunale.

17. Sui principi del garantismo dovrebbero essere d'accordo anche i giudici se non hanno vinto il concorso per raccomandazione.

21. Leggi e sentenze vanno rispettate, non per forza apprezzate. Entrambe possono essere sbagliate. Criticare si può, in certi casi si deve.

21. Ogni sentenza di condanna è, in qualche modo, una sconfitta per la società, che non è riuscita a prevenire il crimine che si punisce.

21. Ci sono sentenze discutibili. Vanno rispettate, non apprezzate. Si possono criticare.

22. Tra un politico e l'altro sarebbe bello che i magistrati si ricordassero di mettere alla sbarra anche qualche scippatore.

22. Si parla di giustizia solo per le giuste inchieste dei magistrati contro i politici, ma il dramma sono i processi civili dai tempi biblici.

22. Il fatto di sentirsi onesti non comporta automaticamente il diritto di distribuire parenti di onestà agli altri.

23. Che tonto, Corona. Ci sono intere zone di Milano e di Scampia dove la Polizia non può entrare e lui si va a nascondere a Lisbona?

24. Leggendo di Corona, Cesare Battisti scuote la testa: "Dilettante".

29. L'espressione "diritto naturale" è un ossimoro.

30. Titoli dei TG: "Campagna elettorale, scontro fra toghe". Non solo le toghe non dovrebbero scontrarsi, ma neppure fare campagna elettorale.

30. Il diritto è sempre una convenzione soggetta allo scorrere del tempo e al variare delle latitudini e delle longitudini.




ITALIA

1.Il bollettino di guerra dei botti di Capodanno in Italia dimostra come il pensiero prevalente in Rete, che ne condannava l’uso, non corrisponda a quello della gente in strada.

3. Per noi italiani la notizia non è che J.Tardi abbia rifiutato la Legion d'Onore ma che uno Stato pensi a una onorificenza per un fumettista.

10. Il disastro dello stato è certificato dalla cialtroneria degli uffici statali atti a rilasciare certificati.

22. Tremo al pensiero di dover accedere a qualunque pratica pubblica on line.

23. Gli italiani non esistono. Al massimo, siamo residenti in un comune.

24. Il problema in Italia è che troppi, a tutti i livelli, non fanno bene o non sanno fare il loro lavoro.




LETTURE

5. Terribili le notizie sulle librerie che chiudono ovunque.

5. Milano vende il trenta per cento dei libri di tutta Italia. Se c'è un motivo per cui la lettura non è distribuita uniformemente, non lo so

6. Una libreria è tanto più bella quanto più la sua offerta si allontana da quella del reparto libri dei centri commerciali.

7. Leggo i quotidiani freepress in metro dalle spalle della gente e mi convinco ogni volta che faccio bene a non toccarli neppure coi guanti.

9. Sto per finire un giallo. Esito perché temo che l'assassino sia chi penso, mentre mi piacerebbe essere sorpreso.

9. Scrittori e romanzieri non sono la stessa cosa. Io preferisco i secondi.

11. Capisco la comodità dell'ordine on line, ma girare tra i banchi e gli scaffali di una bella libreria è un'esperienza mistica.

18. Non chiudono solo le librerie ma anche le videoteche e i negozi di dischi. Fantàsia svanisce divorata dal Nulla.

28. È una vita che spostò i libri sugli scaffali in cerca della collocazione perfetta.

28. Per incastrare bene i libri nelle librerie in tutte le posizioni possibili, è utile leggere il Kamasutra.




LOTTERIE, GIOCO E SUPERSTIZIONE

6. Non gioco ai gratta e vinci, non compro biglietti della lotteria, non seguo il lotto: alla fine avrò risparmiato il valore di una vincita.

6. Che bello non aver comprato il biglietto della Lotteria Italia e non dover controllare se si é vinto un premio di consolazione!

9. Io metterei una tassa sugli oroscopi.

9. Si dovrebbero escludere dal parlamento, per legge, tutti quelli che fanno sedute spiritiche, consultano cartomanti, indossano talismani.

14. I sensitivi che cercano le persone scomparse non scompaiono mai.

23. Sarò crudele, ma per quelli che si rovinano alle slot machine non riesco a provare compassione.

23. Sequestriamo di punto in bianco tutte le slot machine nei bar: oltre a far del bene alla società, ripaghiamo il debito pubblico.

28. L'oroscopo della Vergine è favorevolissimo, allora perché piove, ho il mal di schiena, sono giù di corda e non ho voglia di lavorare?



ME STESSO

6. Non entro in quei negozi e non mi servo da quelle ditte che hanno una denominazione con il cognome prima del nome del proprietario

12. Si è smarrito un bambino di nome Moreno.

13. Ora che ci penso, non ho mai sventolato una bandiera in vita mia.

16. Tutti vorrebbero essere speciali, e a me non riesce essere normale.

19. Vorrei morire per overdose di sogni.

22. Tremo al pensiero di essere considerato impresentabile a mia insaputa.

23. Mi sento sempre il ragazzo che ero. Non mi sono mai accorto di non esserlo più.

28.  Non mi sono mai accorto di essere cresciuto.

29. Sarò strano, ma a me il carnevale mette tristezza come e quanto il circo.




MONDO

1.Stiamo facendo noi il mondo, in questo momento, raccogliendo l'eredità di miliardi di nostri antenati. Troppa responsabilità.

5. Il problema del giocare al "in quale epoca mi sarebbe piaciuto nascere" è che bisognerebbe poter scegliere anche la classe sociale.

28. A rigor di logica, per il bene del pianeta, l'autoestinzione del genere umano per cessata procreazione sarebbe una cosa saggia e razionale.




MORALE

15. L'ipocrita è un bugiardo che mente anche a se stesso.

17. Il moralismo è immorale.

18. L'unico modo per discriminare il male dal bene è valutare se qualcosa fa del male a qualcun altro

18. Nessun moralista sarà mai felice.

21. La ragione dice che ci sono tante ragioni e che non è detto che siamo noi a ragionare nel modo giusto.




MORTE

9. Dubbio: se fosse possibile il suicidio assistito facile, indolore e gratuito, senza formalità, ci sarebbero poche o tante richieste?

10. Ho appena sentito nell'Ipod Dino Sarti cantare, nel suo dialetto, che i vecchi non muoiono, si addormentano e non si svegliano più.

19. Dato che la morte prima o poi verrà a trovarmi, spero che faccia un'improvvisata.

24. Suicidio in metro a Milano. Riesco a prendere un taxi al volo e non perdo il treno. Forse il suicida fuggiva da mille stress come questi.

29. Siamo l'unica specie che potrebbe decidere coscientemente di togliere il disturbo programmando l'autoestinzione.



MUSICA

11. Ma Edith Piaf nella vita normale parlava come Gollum?

11.  Resta il mistero di come parli nella vita normale Eros Ramazzotti.

11. “Se un buon musicista tu vuoi diventar, tante scale e tanti arpeggi devi far...” (cit)

18. Una bella canzone è una delle migliori eredità che di possano lasciare agli altri, a tutti gli altri. Grazie a chi le ha scritte per noi.

18. Che fare quando hai in testa il motivo di "Bonanza" e non ti passa?




PAROLE

11. Si può essere stronzi e simpatici, ironici, intelligenti e gentili allo stesso tempo. La stronzaggine non è una parola negativa al 100% di per sé.

14. L'importanza della virgola. Vivo e vegeto. Vivo, e vegeto.

15. Passo la vita a scrivere, per lavoro e per hobby. Lo farò finché non ci lascerò la penna.

16. Devo assolutamente creare l'occasione per usare anch'io la parola "zimbello".

16. Devo assolutamente creare un'occasione per usare anch'io la parola "bustrofedico".

22. Culinaria è una parola equivoca.

25. Gli aforismi non devono dire ovvietà terra terra, casomai descrivere l'ovvio visto dal cielo.

25. Gli aforismi non devono essere criptici. Avete capito?

28. Devo assolutamente trovare il modo di usare anch'io la parola “precipuo”.

28. Sentita per davvero: "qual è il singolare di asparagi?". Un attimo di riflessione. "Bah! Non esiste mica! Si vendono a mazzi!".

28. "Le convinzioni cambiano" si può dire anche "le credenze sono mobili".

29. Devo trovare assolutamente l'occasione per usare anch'io la parola "orsù".

29. Mi piace il fatto che l'etimologia di "desiderare" sia "chiedere alle stelle".

31. Devo assolutamente creare l'occasione per dire anch'io la parola "carabattola". Al singolare, se no è troppo facile.

31. La poesia delle parole sdrucciole. Il gusto di quelle bisdrucciole.





PESSIMISMO

7. A un sistema per spegnere i pensieri ci hanno pensato in tanti. Chi l'ha trovato, ha spento i pensieri e non se ne ricorda più.

31. Non è che si deve vedere tutto in chiave apocalittica.

30. Ormai il successo è sentirsi dire: sei quello che perde di meno.




POLITICA

6. Preferisco i candidati che si "prestano" alla politica con spirito di servizio e "a progetto" piuttosto a chi lo fa per ambizione.

6. Siamo tutti così interconnessi che gli stati nazionali sono obsoleti e superati anche se non ce ne accorgiamo.

9. Ma i politici devono indossare per forza tutti quanti la cravatta?

13. La vera politica deve, per esempio, asfaltare le strade o fare i ponti. Farlo nel modo giusto non è né di destra né di sinistra.

13. Far politica non dovrebbe voler dire far parte di una truppa schierata contro nemici da sterminare, ma riempire le trincee insieme a loro.

18. Si direbbe che le bandiere arcobaleno della pace vengano tirate fuori solo a comando, dietro ordine dei partiti, con i se e con i ma.

20. La soluzione sarebbe estrarre a sorte i parlamentari tra i cittadini, sulla base delle competenze: tot medici, tot ragionieri, tot avvocati.

22. Capirò mai perché un qualunque uomo oltre i 65 anni, senza problemi economici, invece di stare ai Caraibi vuol essere eletto in Parlamento?

22. Ma, esattamente, chi è che rilascia le patenti di impresentabilità?

25. Il caso MPS dimostra come i partiti, tutti, siano il cancro della società nei cui tessuti sani di infiltrano come metastasi.

25. I partiti drenano risorse, seminano zizzania, infiltrano incapaci nei posti chiave, sono scuole di spartizione del potere e del botti

25. Se non ci fossero i partiti, le persone di buon senso affronterebbero i problemi senza paraocchi ideologici e preconcetti e pregiudizi.

25. I partiti politici mirano a escludere nemici e includere amici e perpetuano al potere dinastie di gente che non ha mai lavorato.

28. Gli onesti, intelligenti e capaci di far piazza pulita degli intrallazzoni non li fanno neppure entrare in politica. Scattano gli anticorpi.

29. I regimi e i dittatori sono tutti infami. Solo chi non difende un totalitarismo può disprezzarne un altro.



SCIENZA

9. Pare che la cacca, vista al microscopio, secondo chi la osserva in laboratorio, sia uno spettacolo incredibile di vita formicolante.

18. Farmaci che avrebbero successo: per far ricrescere i capelli, per azzerare il grasso, per allungare il pisello, per programmare i sogni.

19. Anche le emozioni sono chimica. Molecole fanno innamorare, altre tranquillizzano, altre rendono felici. Non è una brutta cosa, è bella

20. Pare che anche i quark siano composti da particelle più piccole. Non finiremo mai. Due bosoni!




SESSO

5. A essere bravi a letto dovrebbero insegnarcelo a scuola. Migliorerebbe il mondo e renderebbe interessanti i compiti per casa.

5. Da bambino mi brillavano gli occhi davanti alla calza del sei gennaio. Oggi davanti alle calze di tutto l'anno, soprattutto se autoreggenti.

13.  Le tette sono un argomento delicato, come le dimensioni del pisellino. Almeno, noi, quello possiamo nasconderlo

14. Se tornassi ai tempi del Liceo con l'esperienza di oggi farei stragi di ragazze come una faina nel pollaio.

20. Non è volgare neppure la pornografia, se dà emozioni ed è fatta con gusto.

21. L’appetito sessuale dei maschi della specie homo sapiens è la prova più evidente di un comune antenato con i bonobo.

22. Diffido di chi usa la parola "fornicare".

22.  La parola “vulva” incute timore.

22. Sicuramente una "vulva" non è curata a pratino inglese, ma conservata "nature".

25. Il correttore automatico corregge "senno" con "sesso". Mi legge sempre più nel pensiero.

25. Il successo di YouPorn dimostra quanto moralismo ipocrita c'è in Italia. Tutti a scandalizzarsi in pubblico ed essere se stessi in privato.

28. Chissà come sarebbe fare sesso nei magazzini di una Casa editrice, fra interi pancali di libri, su un letto di copie destinate al macero.

29. Se la morale non ci obbligasse a vestirci, non sarebbe così eccitante spogliarsi.

29. Che prevedibili gli uomini che di fronte a una donna pensano solo a portarsela a letto. Ma basta! Vanno bene anche il tappeto, il tavolo, la doccia...



TECNOLOGIA

11. Inviare SMS non è "parlare" e forse neppure "comunicare". Al massimo, fare segnali.

17. I correttori automatici andrebbero combattuti dagli antivirus.

21. Nessun videogioco potrà mai sostituire le partite a Risiko fra amici in cui uno deve conquistare tre continenti mentre un altro deve distruggerlo.

25. Il correttore automatico mi corregge "sento" con "seno". Sempre più addentro nella mia psiche e nei miei pensieri fissi.

28. Ma chi è che programma i correttori automatici... CHI? Sarebbe bello vederlo in faccia e correggergli i connotati.

28. E pensare che avevo una bellissima calligrafia, prima che le tastiere me la facessero deteriorare.

31. Devo avere le orecchie mutanti. I nuovi auricolari anatomici della Apple fatti a oliva non c'è verso di infilarli.


TWITTER

5. Ma i preti che seguo su Twitter, e a cui talvolta faccio domande per essere aiutato a capire, penseranno che sono manovrato dal demonio?

6. Lo followo lo stesso, ma mi ci vuole un secondo di più a decidere di followare qualcuno che ha scelto un foto con la sigaretta in mano.

7. Da quando è approdato su Twitter, Monti pensa a una tassa su tutti i testi che superino i 140 caratteri.

12. Peccato che i due volumi dei Meridiani che raccolgono ottocento anni di aforismi italiani non abbiano potuto tener conto di Twitter.

15. Certo che chi scrive in dialetto (fo, vo, annà) rientra più facilmente nei 140 caratteri.

15. Pr scrvr p cs n 140 crttr s ptrbbr tglr l vcl.

16. Da quando sono su Twitter mi sento seguito.

17. Pare che "non defolloware" sia l'undicesimo comandamento, e che per chi defollowa sia previsto l'inferno nel girone dei traditori.

22. Tweet meravigliosi limati e perfezionati per ore, sciupati all'ultimo secondo dal correttore che cambia fischi in fiaschi.

28. Andrebbe capito se nella vita reale le donne sono davvero così affascinanti come sembrano su Twitter.



UMORISMO

5. Se Dalì si fosse chiamato Muhammad invece di Salvador, i suoi quadri sarebbero stati un pugno in un occhio.

9. Parlando dell' Eneide, una cosa da evitare è definire Enea "figlio di Troia".

9. Differenze fra le religioni. I buddisti hanno un Lama uomo, noi abbiamo la Madonna.

9. Da quando ho saputo che tipo di lifting si è fatto George Clooney, mi guardo allo specchio per provare come starei a tirarmi lì anch'io.

9. Sesso al telefono: la trombata d'Eustachio.

10. Il fatto che abbiamo comprato dei sommergibili potrebbe forse voler dire che non vogliamo dichiarare guerra alla Svizzera.

14. Una volta sono stato così a dieta che per sentire qualcosa di dolce in bocca mi lavavo i denti dieci volte al giorno.

14. Sul tema dell'importanza degli accenti, avete domande da porci?

16. Ho abolito l'IMO.

17. Una volta Hulk e la Cosa fecero una sfida a braccio di ferro. Vinse Braccio di Ferro.

16. Si sa che i fantasmi sono tutti simpatici, quando battono i colpi sono le loro battute di spirito.

18.  La lotta contro i refusi è persa in pertunza.

19. Vedendo certe facce, vien da pensare che Lombroso avesse ragione.

20. Ma, scusate, non è meglio se Corona sparisce e non lo si trova più? Mettersi a cercarlo è autolesionismo.

21. Di solito, una cosa che dà appagamento è a pagamento.

22. Ma esattamente quanto è alto, Corona? No, perché dicono tutti che sia un tappo.

22. No agli slogan.

28. Chi il bunga bunga, chi il banca banca.

28. Cosa dice il babbo gatto quando vede la pancia della gatta gonfiarsi giorno dopo giorno? "Qui gatta cicogna".

28. Beati gli ultimi ad andare a letto, saranno i primi ad alzarsi.

29. Essere uno sceneggiatore di fumetti è un grosso vantaggio quando si tratta di inventare scuse.




VERITA’

16. Abbiamo sempre tutti gli indizi davanti, e ci rifiutiamo di trarre la più logica delle conclusioni.

18. Non ci sono indizi falsi, solo false interpretazioni.

18. Ho appena visto "Il berretto a sonagli" di Pirandello. È proprio vero: per passare per pazzi basta dire la verità in faccia alla gente.

23. I dubbi sono le uniche certezze.

24. Ci sono bugie più vere di certe verità.

25. Esempi di bugie vere e verità false. "Non posso vivere senza di te" (bugia) e "I soldi non danno la felicità" (verità).




VITA

10. La noia è un'invenzione moderna.

11. Lo scopo della vita è cercare uno scopo alla vita.

12. Tutto è temporaneo, giorno per giorno.

13. Il mondo ci gira sotto i piedi ed è per questo che ci sentiamo sempre fuori posto.

21. Puoi comprare tutto, tranne l'esperienza.

22. Vivere mi mette ansia da prestazione.

27. Il vero dramma della vita è racchiuso in una sola, eterna domanda: che fare?

28. Un uomo è di mezz'età solo se non ha vissuto i suoi anni come avrebbe dovuto.

29. Di ansia non si muore. Il vero dramma è che di ansia si vive.


4 commenti:

Chendi ha detto...

Grazie.

Anonimo ha detto...

"Dare l'elemosina a un mendicante per strada fa sì che il giorno dopo ce ne siano due."

Ed io che pensavo fosse colpa della miseria...

Moreno Burattini ha detto...

Per Anonimo: ammesso che nella maggior parte dei casi il mendicare sia dovuto alla miseria (a volte non è così, ma non ne parliamo), il problema è come risolvere il problema. Chi crede che dando l'elemosina caso per caso, si risolva, fa bene a darla. Chi crede che si risolve meglio aiutando la Caritas o altre associazioni aiuterà queste organizzazioni. La cosa antipatica è, casomai, non fare nulla e restare indifferenti. Non è il mio caso.

Michela Vita ha detto...

Amore. N°13.
Poi ne parliamo... e ancora una volta sono colpita dai casi della vita (parlandone capirai il senso di questo commento, o forse lo hai già capito, essendo un libro aperto :D)